Assicurazione Minicar

Le minicar che gli adolescenti guidano nelle nostre città sono equiparate a ciclomotori in tema di assicurazione, il premio da sborsare è funzione della cilindrata del veicolo, del valore e dei requisiti del guidatore; attualmente è possibile richiedere un preventivo direttamente online e confrontare in pochi minuti le offerte delle migliori società di assicurazione specializzate nella vendita di polizze via internet: http://www.polizzeassicurative.net

Bonus malus familiare

E’ il meccanismo che consente ai membri di una stessa famiglia di usufruire delle stessa classe di merito in termini di assicurazione auto, questo rappresenta decisamente un aspetto positivo che però viene in parte compensato dal maggior rischio di vedersi penalizzati  per il fatto che se uno dei veicoli assicurati ha un sinistro con colpa, scatta il malus per tutte le polizze familiari. Questo può essere un incentivo a migliorare la guida per evitare incidenti e di conseguenza aggravi economici sul bilancio familiare.

Aspetti contrattuali

Alcuni aspetti contrattuali per la responsabilità civile dei veicoli a motore: queste condizioni devono essere consegnate al contraente prima della stipula del contratto; nel contratto viene riportata la nota informativa come da Regolamento ISVAP n. 35 del 26 maggio 2010: si inizia con le informazioni relative alla compagnia assicurativa con dati tecnici poi si passa alle informazioni relative al contratto:
 

Preventivi online

Ci sono molti siti web che consentono un immediato preventivo dei diverse compagnie assicurative e un reale confronto sulla tariffa finale a parità di trattamento.
Vediamo alcuna di queste e le compagnie convenzionate:
Assicurazione.it – Genialloyd, Zurich connect, direct line, gruppo sai fondiaria, Milano assicurazioni, Dialogo, Conte.it, Quixa, Intesa San Paolo assicura, Tua assicurazione, Rsa, Ubi assicurazioni, Zurich
Chiarezza.it – Groupama, Linear, gruppo sai fondiaria, Dialogo, Conte.it, Quixa, , Reale Mutua, Axa, R.A. Cebi
Facile.it – 18 compagnie
 

Le banche e le cpi

Credit protection insurance, sono le polizze accessorie (e non tanto) che in questi ultimi mesi vengono stipulate a protezione del capitale che la banca versa al mutuatario per acquistare casa, una recente norma del Governo Monti consentiva ai clienti in fase preliminare di poter scegliere tra il preventivo di almeno due diverse compagnie assicurative; come in ogni innovazione a favore del cittadino, le banche si stanno mettendo di traverso impedendo quello che di fatto si tradurrebbe in sicuro risparmio per l’utente finale. L’ivap è intervenuto più volte in merito cercando di mettere ordine sul tema, le banche devono scegliere se preferiscono vendere una polizza assicrativa cpi o esserne il beneficiario, non possono assolvere ad entrambi i ruoli altrimenti ci sarebbe un conflitto di interesse, ricordiamo però l’intreccio diabolico nell’azionariato italiano che lega a doppio filo banche ed assicurazioni, a questo punto ci sarà una reale convenienza.

Rca con sconto a Napoli

RCA Napoli virtuosa, al via le intese per ridurre i prezzi

il Comune di Napoli ha stipulato una convenzione con una compagnia assicurativa Conte.it società britannica che si occupa di polizze auto in Italia (questa è la prima compagnia che ha aderito all’iniziativa); vediamo nel dettaglio i soggetti interessati allo sconto e non allo scontro:
Uomo 40 anni senza sinistri – minimo mercato 908 euro con la convenzione Napoli-Virtuosa 720 euro
Donna 40 anni minimo 1248  con la convenzione 849 euro e così via per gli altri profili.
Info sul sito: http://www.rcanapoli.it/
Alcuni utenti ci segnalano che non hanno potuto accedere ai benefici della convenzione perchè il sistema telematico non riconosceva al residente il pagamento della tarsu del 2010, si pensa ad un ritardo nella registrazione dei pagamenti della tassa dei rifiuti; in questo modo in molti sono rimasti esclusi dai benefici della convenzione in quanto impossibilitati a fare il preventivo online. Il Comune di napoli prima di richiedere certi requisiti per poter accedere ad un servizio si dovrebbe preoccupare che i dati siano aggiornati per non creare malcontento nei cittadini.
 

Le compagnie assicurative

I premi per le polizze assicurative auto continuano da almeno 4 anni ad aumentare ad un ritmo che lo scorso anno ha toccato il 20%, nonostante questo le compagnie assicurative hanno presentato un bilancio complessivo negativo in perdita di qualche miliardo di euro. Il settore previdenza è in rosso perchè in tempo di crisi nessuno riesce ad accantonare denaro per una pensione integrativa (meno di 2 giovani su 10), ormai tutte le fonti lo dicono: i giovani resteranno praticamente senza pensione ma questo ormai sembra non preoccupare più nessuno.
 
 
.

Assicurazione vita genertel life

E’ tra i primi prodotti vita acquistabili direttamente online, rappresenta in tal senso un’innovazione forte per chi ha bisogno di informazioni in tal senso e vuole fare tutto online abbattendo dei costi fissi; si tratta di una polizza vita che può essere vista anche come pensione integrativa a scadenza (nel 2011 il rendimento è stato del 4,66%), si parte da un minimo di 50 euro mensile a salire in base alle proprie esigenze ed aspettative reddituali. E’ possibile fornendo nel modulo di preventivo i prorpi dati anagrafici e lavorativi, reddito lordo annuale, da quanti anni si lavora calcolare il cd “gap” tra ciò che si percepisce adesso come stipendio attualizzato al periodo in cui si andrà in pensione e ciò che si avrà realmente come pensione; abbiamo fatto una simulazione inserendo questi dati: lavoratore dipendente da 13 anni, in pensione tra 24 anni con un reddito lordo di 25000 euro annui: si percepirà una pensione del 61% dello stipendio a scadenza, scegliendo di non versare nulla del proprio tfr e versando 250 euro al mese si passerà ad un 70% circa con un contributo vitalizio di 390 euro di pensioneonline. Ricordiamo che essendo un prodotto finanziario ramo vita ha un costo per la copertura assicurativa per il verificarsi dell’evento assicurato.

Assicurazioni Auto

Nulla di nuovo per gli automobilisti tartassati dal caro polizza, dopo aver annunciato nel decreto sviluppo Italia una tariffa unica su tutto il territorio nazionale per quelli più virtuosi (appartenenti alla classa A da più anni), non si è saputo più nulla; come al solito le compagnie hanno messo a tacere un provvedimento sul nascere perchè ritenuto non conveniente ai loro profitti. Intanto si continuano a pagare premi assicurativi esorbitanti e ad incentivare la mancata copertura assicurativa, si stima che i veicoli a 4 e 2 ruote in circolazione senza alcuna copertura assicurativa siano in costante aumento, questo crea tutta una problematica per il risarcimento in caso sinistro (in particolare per danni provocati a persone).